IL MIGLIORE ANTIDOTO CONTRO L’ABUSO E’ IN FAMIGLIA

Una ricerca commissionata alla Doxa dall’Osservatorio Permanente sui Giovani e l’Alcol analizza i comportamenti degli italiani.
In Italia consumano alcol il 90% dei maschi e il 70% delle donne. Il 63% sono consumatori abituali, il 15,6% occasionali e il 21,4% non consumatori. Bevono il 70% dei giovani di età compresa fra i 13 e i 24 e tende a diffondersi tra i più giovani il binge drinking cioè l’abitudine di bere almeno 5 drink concentrati in due ore e fuori dai pasti. Sono solo alcuni dei dati di una ricerca commissionata alla Doxa dall’Osservatorio Permanente sui Giovani e l’Alcol sui comportamenti, le opinioni, e gli atteggiamenti degli italiani adulti e dei giovani in merito ai consumi di bevande alcoliche.

Chi beve frequentemente, lo fa soprattutto durante i pasti. In Italia, dunque, l’abitudine al consumo di tipo alimentare è ancora dominante. “Si tratta – ha dichiarato il Vice Presidente dell’Osservatorio Permanente sui Giovani e l’Alcool, Michele Contel – di un dato che tutto sommato si conosce poco: la maggioranza degli italiani beve lontano dai modelli drammatizzati dello sballo del sabato sera e non si iscrive d’ufficio nel numero degli irresponsabili che abusano prima di mettersi al volante. Il migliore degli anticorpi contro l’abuso è proprio in famiglia.

Ciò non significa chiudere gli occhi di fronte a fasce di abuso giovanile e adulto che preoccupano l’opinione pubblica; si tratta di comportamenti che eludono ogni riferimento al piacere e al gusto delle bevande alcoliche, espressivi casomai di disagi interiori e collettivi che confinano pericolosamente con l’autodistruzione. L’Italia – ha concluso Contel – rimane però in una situazione decisamente migliore rispetto ai Paesi del Nord Europa sui fenomeni di abuso, proprio in forza di questa tradizione culturale, anche se essa subisce una progressiva erosione a causa della globalizzazione dei comportamenti giovanili.
Fonte:Sesto rapporto Doxa-Osservatorio Permanente sui Giovani e l’Alcol; www.alcolnet.it

Condividi con i social: